Dedica Scuola e Università

Il progetto, distinto tra i vari gradi dell’istruzione scolastica ed accademica, coinvolge mediamente circa 2000 studenti, suddivisi tra tutti gli istituti di ogni ordine e grado di Pordenone e Provincia.


Percorsi di educazione alla lettura
a cura dell’Associazione culturale 0432

Scuole Primarie e Secondarie di primo grado di Pordenone

 

INTREPIDE AVVENTURE PER GIOVANI LETTORI

Il progetto dedicato alle Scuole Primarie si distingue anche quest’anno in due proposte, adatte alle diverse fasce d’età dei piccoli lettori.

Avventure nella storia è il titolo dei laboratori destinati ai bambini di età 6-8 anni.
A partire dal libro Il piccolo oplita, si propone un percorso di narrazione che attraversa diversi periodi storici mettendo al centro figure d’infanzia coraggiose, curiose e testimoni di avvenimenti più ampi. Dunque un viaggio tra le pieghe dei fatti storici per incontrare piccoli testimoni di vicende reali, dalla preistoria alla Cina antica, attraverso narrazioni che hanno come parole d’ordine avventura, coinvolgimento, memoria storica, grazie al supporto di bellissimi albi illustrati.

Per la fascia d’età 9-12 anni, il percorso Di cani, cavalli, api, orsi… prende spunto dal libro I cani di strada non ballano di Arturo Pérez-Reverte per proporre narrazioni centrate su altri viventi non umani. Saranno cani, cavalli, api, orsi a narrare la loro vita, le loro vicende, l’incontro con la potenza delle civiltà umane che cambiano paesaggi e vite, tra le pagine di silent book, graphic novel, romanzi e raccolte di racconti. Ciò permetterà dunque un approccio ai temi della biofilia, necessità impellente del nostro vivere contemporaneo segnato da grandi problemi ambientali.

Accanto ai laboratori per gli studenti, un incontro speciale è stato dedicato ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado, per scoprire alcuni temi cari a Arturo Pérez-Reverte e proporre ulteriori piste narrative, anche attraverso le proposte di altri autori d’avventura per giovani lettori come Pierdomenico Baccalario, Davide Morosinotto, Katherine Rundell, Marta Palazzesi e altri.

Le narrazioni/laboratori saranno curate dall’ “Associazione 0432”, che opera dal 2000 nel campo delle attività educative rivolte all’infanzia realizzando percorsi espressivi in cui si intrecciano diversi linguaggi, tra cui narrazione, manualità, musica e ricerca figurativa. In questo modo tali progetti riescono ad unire diversi aspetti dell’esperienza del crescere, come la promozione alla lettura, i diritti dell’infanzia, la sostenibilità, la partecipazione, l’inter-cultura, la visione di una società equa e condivisa. 

 

Hanno aderito al progetto
le Scuole primarie di Pordenone: Da Vinci, De Amicis, Grigoletti, Lombardo Radice, Narvesa, Odorico da Pordenone, Rosmini
e le Scuole secondarie di primo grado: Centro Storico, Lozer, IV Novembre, Pasolini.

 

 

 

L’Associazione 0432 nasce nel 2009, proseguendo il percorso decennale dell’Associazione culturale 0432 Théâtre Numérique nel campo delle attività educative per adulti e bambini attraverso differenti linguaggi come la narrazione, l’espressione corporea, il contatto con la natura. Tra i suoi obiettivi la promozione della lettura, dei diritti dell’infanzia, dell’espressione artistica come percorso di crescita personale, della sostenibilità, di una multiculturalità basata sul rispetto e l’ascolto dell’“altro”.


 

IL PICCOLO OPLITA
letture riservate alla scuola
a cura di Maria Balliana


Trecento uomini e un bambino. Trecento guerrieri pronti a morire in battaglia per difendere la loro città e un bambino che vorrebbe fare altrettanto ma viene rimandato indietro per diventare la memoria di quella battaglia. Qual è il coraggio più grande? Arturo Pérez-Reverte scrive una piccola storia intrepida per mostrarci che l’eroismo si manifesta anche laddove non te lo aspetti.
Maria Balliana presenta Il piccolo oplita ai bambini delle classi terze delle Scuole primarie dell’IC Andrea Zanzotto a Caneva, Sarone e Polcenigo.

Maria Balliana
Giornalista professionista, è autrice di testi di storia locale e di libri per bambini. Lettrice nelle scuole, cura progetti di promozione della lettura per biblioteche, istituti scolastici, associazioni.


 

La scena della parola

Scuole Secondarie di secondo grado di Pordenone e provincia

Si tratta di un percorso di approfondimento della figura del protagonista di Dedica, attraverso l’approccio al suo mondo con incontri didattici negli istituti, la lettura delle sue opere più significative, la partecipazione ai principali eventi della rassegna. Tra questi, prezioso e interessante risulta l’incontro esclusivo tra gli studenti e l’Autore dove vengono trattati diversi argomenti partendo dall’opera letteraria studiata in classe e arrivando a tematiche socio-politiche.

 

Nell’ambito del progetto, sarà riproposto il Concorso di idee Parole e immagini per Arturo Pérez-Reverte.

Il concorso, destinato agli studenti degli Istituti Superiori della provincia di Pordenone, mira a coinvolgere attivamente i giovani, ai quali viene chiesto di tradurre le impressioni suscitate dalla lettura di alcune opere dello scrittore nella forma a loro più congeniale: attraverso la scrittura, le immagini o le creazioni multimediali.
In occasione del Trentennale del festival Dedica, il concorso si arricchisce di una nuova proposta, indirizzata agli studenti del triennio, che prende spunto dal romanzo di Arturo Pérez-Reverte Il cecchino paziente, ambientato nel mondo dei writers.
La proposta consiste nella presentazione di un bozzetto per una pittura murale sul tema della lettura, liberamente interpretato. Nel caso in cui la Giuria – di cui farà parte un rappresentante del Comune di Pordenone – ritenga il lavoro particolarmente significativo, esso potrà essere tradotto in un murale che gli studenti realizzeranno su uno spazio messo a disposizione dall’Amministrazione cittadina.

 

I Premi sono distinti nelle sezioni “scrittura”, “linguaggio visivo” e “linguaggio multimediale”, a seconda del mezzo scelto dagli studenti per partecipare al concorso (es. saggio breve, recensione, scrittura creativa, foto, video, booktrailer, immagini con tecniche grafiche miste, reportage, ecc.).

 

Il progetto coinvolge ogni anno circa 700 studenti e vede la produzione di circa 130 opere per il concorso di idee. Ai vincitori del concorso verranno consegnati dei premi – in libri e gadget – direttamente dalle mani dall’Autore e con la partecipazione delle autorità cittadine.

Le scuole partecipanti:

Pordenone: Liceo Leopardi-Majorana, Liceo Scientifico Grigoletti
Cordenons: Liceo artistico Galvani
Maniago: IIS Torricelli
Sacile: Licei Pujati
San Vito al Tagliamento: ISIS Sarpi, Licei Le Filandiere


 

Salone del Libro di Torino – BookBlog

Ormai da diverse edizioni, Dedica collabora con il Salone Internazionale del Libro di Torino su questo progetto nazionale.

Gli incontri vengono documentati nello spazio del Salone riservato al BookBlog, giornale online realizzato dagli studenti per dare conto di personaggi, idee ed eventi relativi ai più importanti festival letterari d’Italia. Per Dedica il gruppo di redazione è formato dai blogger del Liceo Scientifico M. Grigoletti di Pordenone, coordinati dalla professoressa Francesca Endrigo.


 

Dedica Università

Prosegue la collaborazione con i tre Atenei che, anche per l’edizione 2024, hanno patrocinato Dedica e aderito al progetto, ospitando alcuni incontri con Arturo Pérez-Reverte intorno ai temi cari al festival: l’Alpen-Adria-Universität di Klagenfurt, grazie al Dipartimento di Romanistica della Facoltà di Scienze Culturali; l’Università Ca’ Foscari di Venezia, in collaborazione con il festival Incroci di Civiltà e il Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati; il Dipartimento di Lingue e Letterature, Comunicazione, Formazione e Società dell’Università degli Studi di Udine, con il quale è nata una collaborazione scientifica per realizzare una ricerca sul festival Dedica come “modello di studio” nell’ambito della diffusione delle letterature straniere in Friuli Venezia Giulia.

 

con il patrocinio di

         

 

in collaborazione con