Press

01.03.2024

DEDICA 30: ANNULLATI, PER MOTIVI DI SALUTE, GLI INCONTRI CON YASMINA KHADRA

Per motivi di salute che gli impediscono di viaggiare, lo scrittore algerino francofono Yasmina Khadra ha annullato tutti gli impegni delle prossime settimane e dunque non potrà essere presente nemmeno a Udine e a San Vito al Tagliamento, dove era atteso la prossima settimana, ultimo dei “ritorni” previsti dal calendario di “Dedica 30”.

Lo annunciano con molto dispiacere, inviando a Khadra i migliori auguri per una pronta guarigione e ripresa, l’Associazione Thesis, che organizza Dedica, e il Comune di San Vito al Tagliamento, partner del festival per questo appuntamento, che stanno già lavorando per riprogrammare l’incontro non appena sarà possibile.

Khadra era atteso a San Vito al Tagliamento (Auditorium H. Zotti) mercoledì 6 marzo, alle 20.45,  con Alessandro Mezzena Lona, scrittore, giornalista, saggista e il giorno prima, martedì 5, all’Università di Udine in dialogo con Alessandra Ferraro, docente e studiosa di lingua e letteratura francese.

Yasmina Khadra (Dedica 2016) è lo pseudonimo dello scrittore algerino francofono Mohammed Moulessehoul, le cui opere sono state tradotte in oltre quaranta lingue. Il suo romanzo Cosa sognano i lupi?, ora ripubblicato da Sellerio, descrive l’evoluzione tragica e cruenta della società algerina dalla fine degli anni Ottanta, narrando come possano nascere fondamentalismo e terrorismo. A sud del Mediterraneo sarebbe stato il filo conduttore degli incontri con un autore che è profondo conoscitore della cultura e delle società di quell’area geografica, coscienza critica di un mondo a due passi dall’Europa, che appare a volte estraneo e conflittuale.